Tonno alla maniera di Livorno


Il pesce non mancava di certo sulle tavole rinascimentali. Bartolomeo Scappi, cuoco privato di Papa Pio V, nella sua “Opera”, indica come meglio conservare il pesce, illustrando anche le portate che dovevano avere un effetto scenico.

Tonno alla maniera di Livorno

Ingredienti per 6 persone

6 fette spesse di tonno fresco
Farina
4 cucchiai di olio d’oliva
Prezzemolo
1/2 di cipolla
1 foglia di alloro
1 cucchiaio di capperi
1 pizzico di cannella
1/2 bicchiere di vino bianco secco
Olive nere
Sale
Pepe

Preparazione

Fate leggermente soffriggere su una padella la cipolla tritata finemente con un poco di olio. Aggiungete le fettine di tonno che avrete precedentemente infarinato ed il prezzemolo. Fatele cuocere quasi fino a completamento. Regolate di pepe e mettete i capperi, la foglia di alloro e la cannella e completate la cottura. Annaffiate il tonno con il vino bianco e lasciate evaporare.

Potete servire il tonno con una insalata fresca di stagione.

icona abbinamento vino

Quale vino?

a cura di Carla Panicucci (produttrice di vino)

agriturismopoggiomontali.blogspot.it

Vino Montecarlo bianco

Il vino Montecarlo DOC, che prende il nome dalla località in provincia di Lucca dove viene prodotto, durante il XV secolo quando Lucca era sotto il dominio di Firenze, veniva omaggiato al Duca Cosimo I De Medici, alla cui corte “i grappoli d’uva di Montecarlo e il Trebbiano di quella comunità rallegrava i commensali”.

E’ un vino asciutto, dal profumo intenso, fresco, floreale e con una gradevole nota di frutta dal sapore delicato e armonico. Si adatta bene ai piatti di pesce.