Gelato di Buontalenti


Il gelato è uno dei protagonisti di Expo 2015, presentato in variatissimi gusti, anche dei più strani. E non manca il gelato del Buontalenti.

Bernardo Buontalenti ingegnere, architetto, scultore realizzò per Cosimo dè Medici il gelato nel 1559, in occasione dell’inaugurazione della Fortezza del Belvedere, da lui progettata, con il compito di stupire gli ospiti italiani e stranieri con un dolce raffinato, insolito e mai gustato sino ad ora.

Il Buontalenti era anche un abile chimico e nei sotterranei di Palazzo Pitti aveva realizzato degli spazi per conservare neve e ghiaccio durante l'estate. Invitato a realizzare un dolce mai visto prima, pensò di costruire una scatola con intercapedine isolante, con cilindro centrale, dove mettere gli ingredienti e delle spatole che mosse di continuo da una manopola esterna amalgamassero il composto.

Aveva inventato una sorta di primo "gelatiere"!

E da quel giorno i fiorentini e non solo apprezzano mangiare il gelato alla crema realizzato secondo la ricetta tradizionale.

Gelato di Buontalenti

svegliaTempo di realizzazione: , 35'

icona-piccolaDifficoltà ***

Ricetta di cucina

Ingredienti

Miele
250 mt di latte
4 tuorli d'uovo
Un poco di vino
Succo di 1 limone
Succo di 1 arancia



Preparazione

Prendete una terrina da frigo e mettete i tuorli d'uovo con lo zucchero ed amalgamateli bene, fino ad montare il tutto ottenendo un composto omogeneo, spumoso e chiaro. Aggiungete il latte tiepido e  continuate ad amalgamate con cura.

Scaldate il composto a bagnomaria per alcuni minuti, unendo anche un poco di miele ed infine un poco di vino. Quando sarà freddo aggiungete qualche goccia di succo di limone e di arancia.

Mescolate a lungo e delicatamente. Mettete poi il composto in una gelatiera e ponete in freezer per circa due ore.